jueves, marzo 03, 2005

Roma, te amo, te odio..


Hace poco dije que sentía esta ciudad como MI lugar en el mundo... y en parte es así.
Porque me recibió hace tres años con los brazos abiertos, con gente fantástica que me trató como una hija y me contuvo en los momentos difíciles (por ustedes Ceci!). Por su clima, su sol, su cielo azul y sus nubes esparsas que se dibujan al atardecer, sus callecitas empredradas, sus edificios de colores, su verde, y su historia. Por todo eso es seguramente la ciudad mas linda del mundo... Y por eso, por eso amo Roma..!
Me duele, sin embargo no poder disfrutarla como se lo merece, porque es una ciudad que ni aún en su crecimiento moderno se modernizó, una ciudad que no funciona como tal, con calles caóticas, un transporte público ineficiente y una metro casi inexistente, con cortas distancias que parecen eternas y muy desordenada...Porque es la más desorganizada de las ciudades que conocí. Y por eso, por eso, a veces la odio...!
Poco tempo fa dicevo che sentivo questa città come mia città, ed in certo modo è cosi.
Perché tre anni fa mi riceveva con le braccie aperte, con persone incredibili che mi aprirono le porte della sua casa e del suo cuore come se fosse veramente una figlia, senza lasciarmi cadere nei momenti di nostalgia (a voi Ceci!). Per il suo clima, il suo sole, il cielo blu, le nuvole disegnate ogni tramonto, le strade piccole piene di colori, il suo verde dappertutto e la sua storia. Per tutto quello la sento mia dal primo giorno. Per quello, mi provoca amarla.
Ma mi dispiace anche non poter sfruttarla, respirarla come merita, vedendo le sue cupole o il Tevere ogni giorno, perche in certo senso è una città poco funzionale, difficile da vivere, caotica, disordinata, con mezzi pubblici inefficienti, una metro quasi inesistente che fanno diventare eterna una piccola strada da percorrere. Perche è forse la città più disordinata di quelle che ho conosciuto. Y per quello, a volte, mi provoca odiarla.

6 comentarios:

cris dijo...

A ver, Marce...si las ciudades estuvieran organizadas, ordenaditas y muy pulidas,estarías en Suiza y no en Italia..y no creo que te gustara vivir allí.
Personalmente prefiero el desorden de Roma....al menos de visita.
Un beso, guapa. Y gracias por el Gmail

juanpol dijo...

dios... que bonita!

Sir Phantom dijo...

Todas las ciudades tinien sus problemas. Yo vivo en Bristol que es relativamente chica (350k habitantes) y tambien me quejo de las mismas cosas!

Y gracias al Trafficante que tambien me mando lo de Gmail. Si no acepto pierde la invitacion? Porque ya acepte la tuya Marce.

marigold dijo...

...extrañando a la TAMSE? ;)

Five dijo...

ok en unos dias te los mando a Juez, el intendente de cordoba y te soluciona el problema del transporte de un periquete....
jeje....

sofasurf dijo...

Sono d'accordo con te, almeno sul 'ti amo', perché Roma, anche metaforicamente, non riuscirei mai ad odiarla. =)

I problemi di Roma sono quelli di una città che sconta gli errori del passato, soprattutto quelli del '900, quando scelte fatte secondo opportunismo e valutazioni errate, l'hanno privata di una possibilità di sviluppo organica e sostenibile. Il problema è quasi sempre lo stesso: nella storia di una città, arrivano sempre dei momenti in cui si è costretti a fare delle scelte. E se le persone chiamate a fare queste scelte non agiscono nell'interesse della comunità, le conseguenze possono ripercuotersi per secoli. E' il caso di Via dei Fori Imperiali, o quello della cosiddetta 'spina di Borgo', dove le scelte che sono state fatte ci hanno privato per sempre di pezzi della nostra storia di romani, a vantaggio di una presunta modernità o di un'altrettanto poco lungimirante visione della città.
Nonostante tutto, Roma porta nel suo DNA tracce che difficilmente possono essere incontrate in altre città del mondo, tracce che sopravvivono strenuamente alle contraddizioni dei nostri tempi.